La Terra – Ascesa e declino della borghesia agraria materana

terra

2004
Alfonso Pontrandolfi
La Terra – Ascesa e declino
della borghesia agraria materana

Collana 'I Libri del Geco'
(Edizioni Fondazione Zétema – Matera)

La pubblicazione affronta un tema essenziale per la conoscenza della condizione sociale e economica di Matera degli ultimi secoli. Sulla base di un'accurata ricerca e sullo sfondo di una sistematica ricostruzione dell'evoluzione della proprietà fondiaria, che costituiva il fattore determinante degli assetti economici e sociali della società, l'Autore ripercorre la storia della città di Matera fra Ottocento e Novecento lungo l'inedito filo dell'ascesa e del declino della sua borghesia agraria.
Ne scaturisce una ricostruzione particolarmente efficace delle dinamiche e delle trasformazioni che hanno interessato la società materana e delle successive evoluzioni della sua classe dirigente, utile anche ai fini di una più completa valutazione delle sue condizioni attuali.
Le vicende della vita politica cittadina nei decenni a cavallo fra Ottocento e Novecento, quando la dialettica fra la borghesia più illuminata e la parte di essa attestata su posizioni più conservatrici raggiunse il massimo sviluppo, sono tratteggiate con dovizia di particolari ed efficacia interpretativa.
Così il susseguirsi delle vicende che portarono rapidamente all'avvento del fascismo e che colsero la borghesia materana alle prese con un faticoso e tormentato processo di ricollocazione politica, alla ricerca, cioé, dopo la sconfitta del partito nittiano nelle elezioni del 1921, di un dialogo con il nuovo regime politico che, fallito, ne determinarono il sostanziale tramonto politico.
In coincidenza con l'evento della elevazione di Matera a capoluogo di provincia, l'egemonia politica passò al nuovo ceto sociale della media e piccola borghesia delle professioni e del funzionariato pubblico. Un processo, quindi, di sostituzione delle classi dirigenti che, iniziato allora, é proseguito anche dopo la caduta del fascismo.
Le problematiche di quel territorio che aveva costituito la ragione economica dell'egemonia della borghesia agraria ormai definitivamente scomparsa, rimangono però tuttora aperte, seppure in termini nuovi, nell'attesa di atti concludenti delle nuove classi dirigenti della città.

In primo piano

Il 23 luglio è stata riaperta alla pubblica fruizione la Cripta del Peccato Originale.
Saranno Tommaso Strinati e Patrizia Sandretto Re Rebaudengo rispettivamente il direttore e il consulente scientifico dei presidi culturali della Fondazione Zétema di Matera.
Si comunica che il giorno 30 giugno 2015 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, IV Serie Speciale, n.49, il 66° bando di concorso per l’accesso ai...
Martedì 30 settembre u.s. alle ore 11,30 presso il Ministero Per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, presso la Direzione Generale per la valorizzazione del patrimonio...
intervento di Raffaello de Ruggieri Autorità, Signore e Signori, evito il rituale preambolo dei ringraziamenti perché la gratificazione ai numerosi e preziosi soggetti attuatori...