Restauro della chiesa rupestre di Santa Lucia - Melfi (PZ)    
 Progetto di recupero e valorizzazione  
 Progettazione: Fondazione Zétema
 Direzione Lavori: ing. Sante Lomurno - Studio Sdia, Matera
 Collaborazione: Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro
 

La chiesa di Santa Lucia si trova in Contrada Giaconelli di Melfi, nel cuore di un bosco di castagni, ai piedi di una rupe. Anticipata da un avancorpo costruito, la cripta, scavata nel tufo vulcanico, rappresenta la parte terminale dell'attuale cappella agreste. La facciata è di forma irregolare con tetto a doppio spiovente su cui si eleva un campanile a vela. Un ampio portale, leggermente decentrato sulla sinistra, è sormontato da una finestra di forma rettangolare. L'interno si presenta con un'unica navata, ed il soffitto della grotta rimane più basso rispetto a quello pressoché piatto dell'avancorpo. Sul fondo è appoggiato l'altare, ormai in disuso, su cui campeggia un unico affresco raffigurante la Vergine col Bimbo sulle ginocchia in atto benedicente e, in un altro riquadro laterale, S. Lucia anch'essa benedicente con il palmo della mano rivolto verso chi guarda. Sul lato della Santa vi è poi un pannello didascalico con nove scene rappresentative della storia e del martirio della Santa. Gli affreschi risalgono alla fine del XIII sec. (1292) e ripropongono i temi figurativi di una cultura angioina, chiaramente miniaturistica e divulgativa. Viene scoperta nel 1897 da Emile Bertaux che, senza alcun riferimento allo stile del dipinto, la descrive così "Una grotta è chiamata dai contadini la 'Giaconella': sul tufo del fondo si scorgono ancora dei frammenti delle pitture con scene della vita di Santa Lucia, che si possono attribuire al 1200, nel mezzo, la Madonna e Santa Lucia ridipinte nel 1873, Dio sa con quali colori". Molto più recentemente è stato sciolto il dubbio circa la datazione del dipinto, infatti, inizialmente, a cura dello studioso Sergio Ortolani, la lacunosa iscrizione riportata sulla parte sommitale dell'affresco "ANNI DNI MIL ............SIMO NONAGESIMO SECVNDO" integrata con le lettere LESIMO GENTE, veniva interpretata come 1192, collocando il dipinto in area bizantineggiante, forse perché la Madonna con Bambino e Santa Lucia obbediscono, al pari delle altre icone presenti nel territorio meridionale, ai criteri di stretta osservanza bizantina, quali l'immagine frontale e ieratica, capo circondato dal nimbo contornato di perline bianche, bocca breve e fine, naso lungo e sottile, ecc. Successivamente, anche a seguito di valutazioni sulle storie della vita e del martirio della Santa, caratterizzate da "elementi di una pittura che narra i fatti e non presenta i protagonisti della pia storia” e, quindi, lontani dalle forme greco-italiote e più vicini all’area francese da cui i Normanni condussero i loro modelli nell’Italia Meridionale, la studiosa Pia Vivarelli, nel 1972, propone di integrare la lacuna sulla iscrizione con DUEVENTESIMO, riportando la datazione del dipinto al 1292, ossia un secolo dopo l’iniziale attribuzione cronologica. Per il progetto di recupero, dopo le necessarie indagini conoscitive, si è provveduto a seguire opere di difesa dall'umidità, la messa in sicurezza del sito, il restauro architettonico della parte edificata, il restauro dell’affresco. E’ stato inoltre realizzato un impianto di illuminazione con l'impiego di fibre ottiche


La chiesa è stata riaperta alla pubblica fruizione il 10 gennaio 2011

In primo piano

Il 23 luglio è stata riaperta alla pubblica fruizione la Cripta del Peccato Originale.
Saranno Tommaso Strinati e Patrizia Sandretto Re Rebaudengo rispettivamente il direttore e il consulente scientifico dei presidi culturali della Fondazione Zétema di Matera.
Si comunica che il giorno 30 giugno 2015 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, IV Serie Speciale, n.49, il 66° bando di concorso per l’accesso ai...
Martedì 30 settembre u.s. alle ore 11,30 presso il Ministero Per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, presso la Direzione Generale per la valorizzazione del patrimonio...
intervento di Raffaello de Ruggieri Autorità, Signore e Signori, evito il rituale preambolo dei ringraziamenti perché la gratificazione ai numerosi e preziosi soggetti attuatori...