Matera 2019 - Contributo della Fondazione Zétema

SCHEDA PER LA CANDIDATURA DI MATERA A "CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA" PER IL 2019

L'Unione Europea nella selezione delle città candidate a divenire "Capitale Europea della Cultura", per esaltare il fecondo rapporto tra livello locale e livello globale, pone alcune precise condizioni tra cui quelle del coinvolgimento responsabile delle popolazioni, della dimensione europea del progetto e della stabilizzazione sul territorio del compiuto investimento culturale.
Per la Città dei Sassi il tracciato progettuale da tempo individuato segue in maniera sorprendente tale indirizzo europeo, utilizzando la forza ispiratrice di un luogo carico di energia creativa.

Infatti, le due articolate componenti del progetto propongono l'esaltazione dei valori identitari del territorio: la testimonianza universale della vicenda storica della città e il ruolo di scambio culturale tra Mediterraneo ed Europa delle programmate scuole di produzione culturale.
Il Parco della Storia dell'Uomo esprimerà la continuità della vicenda umana nel territorio materano, perenne ed ininterrotta da oltre 10.000 anni. Ispirati da questo valore peculiare (l'eternità del rapporto uomo-tempo, uomo-natura) sarà possibile organizzare sul territorio presídi di testimonianza e di documentazione capaci di accompagnare i visitatori-esploratori lungo le tappe più significative della storia dell'uomo: dai 'buchi neri' del paleolitico superiore (Grotta dei Pipistrelli) ai 'buchi neri' dello spazio (Planetario-Osservatorio ispirato dalla presenza del Centro di Geodesia Spaziale). Fissando le tappe eroiche della civiltà dell'uomo, Matera proporrà una unica ed eccezionale rete di parchi tematici quali quello paleolitico (Grotta dei Pipistrelli, Grotta funeraria, ecc.), quello neolitico (villaggio trincerato di Murgia Timone), quello altomedievale (la civiltà rupestre con gli insediamenti civili e religiosi), quello della civiltà contadina (Museo demo-etno-antropologico), quello scientifico (la Cittadella dello Spazio con il planetario e l'osservatorio spaziale). In tal modo sarà esaltata la forza distintiva del luogo, sensibilizzando la comunità al valore responsabile della appartenenza e della partecipazione ai processi di sviluppo locale.
Le Officine della Cultura, cioè scuole med-europee delle produzioni culturali (teatro, musica, danza, arti plastiche e figurative, ecc.), saranno gli incubatori delle imprese protagoniste del cartellone degli spettacoli dell'anno 2019. Sarà l'occasione per fissare in maniera stabile questi laboratori creativi nel nostro territorio in alleanza con i più autorevoli centri internazionali (europei e mediterranei) delle produzioni artistiche e per dotare il territorio delle strutture in cui esprimere e diffondere i prodotti realizzati (teatro, arena all'aperto, auditorium, centro congressi, ecc).
Nel 2019, dunque, Matera non dovrà reperire nel variegato mondo dell'arte gli eventi da acquistare e da calendarizzare, bensì, accanto ad alcuni eccezionali ed esterni momenti culturali, offrirà la qualità delle creazioni maturate al suo interno, ispirate dalla energia e dalla atmosfera di uno straordinario territorio fecondato nel tempo dalla contaminazione di una cultura euromediterranea.
A rappresentare questo filo diacronico - che pone Matera al centro di un percorso dialettico tra civiltà mediorientali, mediterranee ed europee – è stato scelto l'antico mito dell'eroe semita Cadmos, fondatore di Tebe, che partì da Oriente per cercare la carissima sorella Europa rapita da Zeus e in questo viaggio da Est verso Ovest compì la fusione tra le culture mediterranea ed europea.
Il progetto quindi potrebbe essere segnato proprio dal nome di questo eroe mitologico, CADMOS, protagonista di un lievito culturale capace di unire Mediterraneo ed Europa.

Contributo del Presidente della Fondazione Zétema
avv. Raffaello de Ruggieri

In primo piano

Il 23 luglio è stata riaperta alla pubblica fruizione la Cripta del Peccato Originale.
Saranno Tommaso Strinati e Patrizia Sandretto Re Rebaudengo rispettivamente il direttore e il consulente scientifico dei presidi culturali della Fondazione Zétema di Matera.
Si comunica che il giorno 30 giugno 2015 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, IV Serie Speciale, n.49, il 66° bando di concorso per l’accesso ai...
Martedì 30 settembre u.s. alle ore 11,30 presso il Ministero Per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, presso la Direzione Generale per la valorizzazione del patrimonio...
intervento di Raffaello de Ruggieri Autorità, Signore e Signori, evito il rituale preambolo dei ringraziamenti perché la gratificazione ai numerosi e preziosi soggetti attuatori...